BONUS SMART WORKING: COME FUNZIONA

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Il Decreto sostegni ha prorogato per tutto il 2021 il “Bonus Smart working” che è l’agevolazione fiscale per quei datori di lavoro che erogano ai propri dipendenti dei “fringe benefits”, ossia un tipo di retribuzione sotto forma di beni e servizi. Questi dunque valgono come retribuzione non in denaro. Sulla misura, in realtà, si era già occupato il Decreto Agosto (Dl 104/2021), che aveva raddoppiato l’importo massimo esentasse. Si passa infatti da 258,23 euro a 516,46 euro, per il periodo d’imposta 2020. In fase di conversione del Decreto Sostegni questa misura è prorogata, sempre con importo raddoppiato, anche per il periodo d’imposta 2021.

Il bonus smart working, insieme al bonus vacanze 2021 e alla Cassa integrazione, rientra nelle misure messe a disposizione dello Stato per affrontare l’emergenza economico-sanitaria.

BONUS SMART WORKING: PERCHE’?

La risposta è semplice. Si tratta, infatti, di un tipo di agevolazione che ha l’obiettivo di favorire i dipendenti fornendogli nuove apparecchiature per il lavoro agile. Grazie alla proroga per il periodo d’imposta 2021 i datori di lavoro hanno la possibilità di fornire ai propri dipendenti il necessario per una postazione per il lavoro da casa ergonomica e sicura, con sedute ergonomiche, scrivanie adeguate e la giusta illuminazione.

COME FUNZIONA?

Non vi è una vera e propria modalità per fare la richiesta. La scelta di avvalersi dell’agevolazione infatti spetta comunque al datore di lavoro. Questi possono scegliere se acquistare personalmente i beni o dare ai dipendenti dei titoli di legittimazione d’acquisto. Il valore dei beni andrà incluso in busta paga ma non concorrerà a formare il reddito e sarà esentasse fino a 516,46 euro.

A CHI SPETTA?

Il Bonus smart working spetta ai titolari di redditi da lavoro dipendente e redditi assimilati. Come si deduce dal Testo unico delle imposte sui redditi, i redditi da lavoro dipendente sono “quelli che derivano da rapporti aventi per oggetto la prestazione di lavoro, con qualsiasi qualifica, alle dipendenze e sotto la direzione di altri, compreso il lavoro a domicilio quando è considerato lavoro dipendente secondo le norme della legislazione sul lavoro.”

Leggi di più

News

DOMICILIO E RESIDENZA: SONO SINONIMI?

Domicilio e residenza: due concetti spesso usati erroneamente come sinonimi. In alcuni casi domicilio e residenza possono coincidere, ma non sempre. Quali sono quindi le

News

COME USCIRE DALLO STATO DI FAMIGLIA

Lo Stato di famiglia è il certificato che indica la composizione della famiglia anagrafica, cioè l’insieme di persone, conviventi, che sono legate tra loro da un

Hai bisogno di aiuto?

Chiedi a Certificati-online. Siamo qui per aiutarti!

traduttrice legale di documenti del tribunale e certificati anagrafici

A causa delle misure prese per il contenimento dell'epidemia COVID-19 i servizi potrebbero subire variazioni